Disfunzione Erettile: i Rimedi della Nonna per l'Impotenza

disfunzione erettile rimedi della nonna

I rimedi della nonna per risolvere questo problema sono caratterizzati soprattutto da cambiamenti nello stile di vita, in particolare nell’alimentazione.

Infatti, uno stile di vita sano associato a una alimentazione corretta sono essenziali per ridurre l’obesità ed eventuali problemi ormonali dovuti alla vita sedentaria.


Disfunzione erettile e rimedi casalinghi


I grassi sono i nostri peggiori nemici, è sempre consigliato evitare i grassi di origine animale perché sono dannosi per il nostro cuore a causa dell’elevato contenuto di colesterolo.

Non solo i grassi, ma anche i cibi troppo raffinati non sono per nulla salutari perché hanno un indice calorico alto e quindi vengono assimilati troppo in fretta dal nostro corpo. Dovresti quindi di prediligere i cibi integrali e ricchi di fibre.

A una buona alimentazione devi anche associare dell’esercizio fisico giornaliero, non è indispensabile essere sportivi è sufficiente un po’ di movimento come una passeggiata o un po’ di cyclette.

Frutta e verdura fanno sempre bene, contengono vitamine e sali minerali che migliorano il nostro metabolismo, sono a basso contenuto calorico e contengono molta acqua indispensabile per il bilancio idrico del nostro corpo.

Anche ansia e stress contribuiscono a soffrire di disfunzione erettile, quindi sarebbe opportuno rilassarsi prima di avere un rapporto sessuale in modo che la tua mente sia libera e positiva.

A questo proposito ci sono molte tisane a base di passiflora, biancospino, melissa e valeriana che puoi assumere un’ora prima del rapporto e che hanno un effetto rilassante.

pene

Cos’è la disfunzione erettile?


Si tratta di un disturbo che coinvolge l’uomo, in particolare l’apparato genitale maschile, e che consiste in una incapacità persistente o frequente di ottenere una buona erezione.

A causa della disfunzione erettile l’uomo spesso non riesce ad avere rapporti oppure non riesce a portarli a termine fino a raggiungere il coito.

Secondo alcuni studi la DE è più frequente di quanto si possa pensare: più del 13% degli uomini ne soffre, ma si stima che possano essere anche di più perché non tutti gli uomini ammettono di soffrirne.

Ovviamente questo dato è legato anche all’età, più si avanza negli anni e più l’uomo è soggetto anche per motivi fisiologici ad andare incontro alla disfunzione erettile.

Circa il 70% delle DE sono dovute a problemi di tipo organico, mentre il restante 30% è causato da motivi psicologici o emotivi.

Uno scorretto stile di vita incide molto sulla disfunzione erettile, in particolare l’obesità, il fumo, l’alcool, le droghe e anche alcuni farmaci ne predispongono l’insorgenza.

Le malattie metaboliche, per esempio il diabete o l’ipercolesterolemia, incidono sulla comparsa della DE ma spesso si tratta di un problema transitorio perché modificando la terapia tende a risolversi spontaneamente.

La disfunzione erettile ha una componente vascolare e una neurologica. Dal punto di vista vascolare la causa è un ridotto afflusso di sangue al pene e, quindi, una erezione poco turgida. Dal lato neurologico invece la causa è un’inibizione dei centri che ricevono le stimolazioni sensoriali e che quindi non rispondono adeguatamente.

Anche l’assetto ormonale è importante perché l’erezione è dovuta al testosterone.

Una buona vita sessuale è importante non solo per il corpo ma anche per la mente. Infatti, il nostro corpo in seguito al piacere sessuale produce una proteina che aiuta la nostra pelle a rimanere giovane: il collagene.

È proprio vero allora che fare sesso allunga la vita e ci mantiene giovani!

Disfunzione erettile: come risolverla?

Prima di tutto è sempre meglio avere una diagnosi certa quindi devi rivolgerti al tuo medico o a un urologo per un controllo.

Infatti, avendo la DE una componente psicologica, spesso accade che dopo un consulto con uno specialista che conferma la buona salute dell’apparato genitale la patologia scompaia.

Se invece lo specialista conferma la presenza di disfunzione erettile, puoi allora intraprendere vari percorsi per risolvere il problema, dai farmaci agli integratori.

Spesso è utile  trattare il problema su più fronti associando i farmaci a un percorso psicologico perché quasi sempre, con l’insorgere della disfunzione, si instaurano nell’uomo anche dei pensieri autolimitanti. In questo modo si agisce sul piano organico e su quello emotivo contemporaneamente.

I farmaci più utilizzati sono i vasodilatatori che hanno la funzione di aumentare l’irrorazione sanguigna del pene e di mantenerla per tutta la durata del rapporto in modo da avere una erezione turgida e funzionale.

È fondamentale che l’erezione venga mantenuta nel tempo per poter considerare il problema risolto, infatti senza un’erezione duratura il rapporto non può essere soddisfacente.

In generale questi farmaci hanno come principio attivo i ricaptatori delle fosfodiesterasi, sono i più comunemente usati nel trattamento della disfunzione erettile, ma è necessario che ti vengano prescritti dopo attenti controlli per verificare che tu possa ben tollerarli.

In alternativa ai farmaci puoi ricorrere a degli integratori specifici o a dei rimedi fitoterapici molto diffusi in commercio.

Spesso sono di origine naturale e non hanno alcuna controindicazione.

Alcuni sono un mix di sostanze che facilitano l’erezione, altri invece contengono un unico principio attivo.

AUTORE:

Armando Santari

Sono una persona che ha dovuto combattere con il problema della disfunzione erettile e sono nato con un pene piccolo. Stufo di aver provato tanti rimedi ch non hanno funzionato per niente, ho deciso di contribuire a questo sito per porre chiarezza su come allungare il pene una volta per tutte.

Puoi leggere di più su di me qui.